Lei canta

Non avrei mai pensato di arrivare a passare due ore sotto la pioggia per vedere un concerto di Laura Pausini. E invece così è stato, e ne sono contento. Non dico di voler fare revisionismo, ma prima di iniziare la Pausini ha dedicato il concerto alle “donne con due palle così”, e di palle lei ha dimostrato di averne. Ci vuole fisico, e coraggio, per affrontare uno stadio così senza concedersi mai una pausa, in acuto costante per superare la cattiva sonorizzazione e le voci del pubblico. Perché sì, tutti conoscevano tutti i brani, per un impressionante unisono al quale non ho mai assistito in vita mia. Non basta essere commerciali per costruirsi una carriera così, bisogna saper fare delle scelte.
Forse il suo modo di cantare non piacerà a tutti, ma ci sono orgoglio, determinazione e semplicità in quello che fa. E una grinta da rock star, l’ho detto. Ieri poi era anche sinceramente emozionata, in un mix di dolcezza e durezza che mi ha sorpreso. Come il mix “La Isla Bonita + La mia banda suona il rock”, decisamente divertente. Sapete che vi dico? Se lo merita, e nessuno del pubblica ha lontanamente pensato di allontanarsi dallo stadio nonostante il nubifragio.

Ah, su YouTube trovate già alcuni video. Mentre, per quel che riguarda la recensione di Mario Luzzatto Fegiz, beh mi sembra sinceramente imbarazzata e confusa, a metà tra chi si è divertito e chi vuole fare polemica. Nessuna novità, io Fegiz l’ho sempre odiato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...