Parlami d’altro (che è meglio)

Lo so, potevo benissimo capire che non era il caso di andare al cinema. Ma, forse, con questa storia di non pagare il biglietto ho il brutto vizio di voler dare una possibilità ai film più brutti, nella speranza di ricostituire il giudizio sui più sfigati.

Ma niente, non c’è nulla da fare: “Parlami d’amore”, primo film da regista di baby-Muccino, è orribile. Pessima interpretazione, testi stucchevoli e primi piani abusati e sempre troppo lunghi. Lui si è circondato di gente che sa il fatto suo: non a caso le scelte scenografiche sono ottime, anche se fastidiosamente dandy. La storia è bella come il libro, ma trattata male, sembra un saggio di uno studente della scuola di cinema.

Peccato, anche per il ritmo, lentissimo. Dal trailer, con la canzone di Skin (a proposito, finalmente ha sfornato un brano degno del suo nome), sembrava che almeno la velocità fosse un ingrediente. E invece niente. La voglia di uscire dalla sala era forte forte…

Ah, ultima cosa. “Io mi chiamo Sasha”. Sasha?!? No dai, Sasha no…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...