Zinio (e i vantaggi del magazine digitale)

zinioGià qualche giorno fa, parlando di iPad, avevo accennato ai magazine digitali come al prodotto più promettente su iPad. Ho già capito di non essere l’unico a pensarlo, quindi prendo coraggio e mi spiego meglio.

Molti italiani mi dicono che “non rinunceranno mai al libro di carta”, perché ne amano il profumo, lo spessore, il rumore. Anche la polvere, immagino. Diciamo che guardando più al mercato americano e conoscendo un paio di persone che il Kindle lo usano davvero, dubito che questo atteggiamento sia davvero inevitabile. A volte ho più l’impressione l’appassionato di libri si senta parte di un club privilegiato, tanto privilegiato da aver paura di dissacrare il feticcio del sua élite. Non a caso, negli Stati Uniti, il vero utente di Kindle finisce per leggere più libri di chi non lo possiede.

Comunque, ammettiamo che il rapporto del lettore con il libro sia davvero un rapporto necessariamente fisico. Perché con il libro ci passi le ore, e finisci per amare la possibilità di stringerlo tra le mani. Con il magazine non è così. Se il libro è una storia d’amore, il magazine è una passione veloce che dura solo un rapporto. Lo leggi, ti piace e poi lo butti via. Non ti interessa tenerlo (a parte alcuni casi, ma diciamo di solito non è così). Inoltre nel campo dei magazine Kindle boccheggia a causa del display in bianco e nero, mentre iPad con il suo schermo a colori ha un grosso fattore di vantaggio.

In questi giorni stavo pensando a tutte queste cose e, bieca vittima del mio auto-marketing, mi è tornata voglia di magazine digitali. Sono andato spesso sul sito di Zinio, il principale operatore di questo settore. Ed ho pensato a come sarebbe avere un lettore di magazine Zinio su iPad: cavoli, fossi il creatore di Zinio inizierei a leccarmi i baffi. Così ho iniziato a navigare per lo store, alla ricerca di un abbonamento interessante. Perché è l’abbonamento la forma più sfiziosa di fruizione digitale, secondo me: appena il numero è disponibile non devi andare in edicola, ti arriva una mail e lo scarichi. Su Zinio ci sono riviste celebri, ma l’offerta non è ancora abbastanza ricca. Per quanto riguarda l’editoria italiana ci sono Jack e Focus, due riviste tette-e-tecnologia che non mi entusiasmano (non per i due soggetti presi separatamente, sia chiaro, ma per la combinazione). Geo e Psicologia nulla da ridire, ma non è il mio genere. Sullo straniero avrei sperato in un Wired, ma poi gli occhi mi sono caduti su altre riviste. Wallpaper Magazine ed Esquire. Ecco, concentriamoci su Esquire (l’unica rivista maschile in grado di farmi sorridere parlando di politica…). Perché io potrei dirvi che ho preso un magazine digitale perché questo è il futuro, perché ci sono i link nelle pubblicità, perché in alcuni casi ci sono persino i video. E invece no.

Esquire, dodici mesi, senza spese di spedizione o ricerche folli per Milano: 6,67€.

Il prezzo è una bella killer app, fossi un editore mi concentrerei su questo (ma figurati…). E per chi ha paura degli occhi, della vista, della lettura… vi assicuro che con una buona interfaccia e i contrasti giusti tutto è possibile. Specialmente quando puoi leggere dove, come, quando vuoi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...