Ballet de Cuba

In mancanza di una vera vacanza al mare, ieri ci siamo accontentati di andare al Teatro di Varese per vedere uno spettacolo di musiche e balli cubani, con il Ballet de Cuba. Non male, anche se il teatro non è il luogo migliore per godersi un clima del genere, stando fermi impalati. La gola, poi, richiedeva con foga un buon sorso di rhum. Ecco il mio articolo per VareseNews.

Annunci

Ed ecco BlogMagazine

I magazine in pdf creati dai blogger non sono cosa nuova, qualche anno fa partecipai con piacere al numero 0 del progetto Permalink. Spesso sono esperienze senza lungo futuro, eppure che posso farci? Mi piacciono.

Siamo fin troppo abituati alle grafiche sciatte e fredde dei blog (anche i più belli, a mio parere, sono inevitabilmente sciatti e freddi). Per questo i magazine pdf sono gradevoli al primo impatto: pur essendo più scomodi di una pagina web, sono belli, e ricordano la magia innegabile di un rivista patinata. Perché al 90% dei blogger la carta piace, anche se non lo ammetteranno mai.

Così, ovviamente, mi sono tuffato subito nella lettura di Blog Magazine, nuovo esperimento editoriale. Indubbiamente sono il suo target, ho trovato i contenuti vicini al mio interesse. Tuttavia spero in qualche miglioramento nel tempo, con contenuti più originali. Come dire: mi piace quel che c’è, ma avrei preferito trovarci contenuti più inaspettati. Leggere di cose delle quali so veramente poco, farmi sorprendere: questo mi aspetto da un magazine.

In ogni caso, complimenti e buona fortuna ai tanti blogger che si sono lanciati in questa avventura, aspetterò il prossimo numero.

Sanremo: Arisa val pure un Marco Carta

Come ho già scritto commentando l’immancabile articolo di Stefania, in fondo ci è andata bene. Se dovevamo proprio scegliere tra quel viscido di Povia e il buttafuori di Gigi D’Alessio, allora Marco Carta era il male minore. Speriamo migliori con il tempo, non lo conoscevo ai tempi di Amici ma non mi pare soggetto portato a montarsi la testa. Magari avrà occasione di migliorarsi, prima cantava pure peggio.

E poi, da un Sanremo che mi ha dato Arisa non potevo chiedere di più: ci è andata di lusso. Qualcuno mi insulterà ma mi ricorda molto Valeria Rossi. No, non quella della fase sole-cuore-amore, ma quella del secondo cd che nessuno, per snobberia, considerò di striscio. E che invece era d’ottima fattura. Ecco, Arisa per farcela deve sopravvivere all’effetto tormentone, che è dietro l’angolo. Ma c’è variabilità e potenziale: ascoltando l’album mi son fatto questa idea.

Il comune di Roma censura Current Tv

Il comune di Roma ha censurato la nuova campagna manifesti di Current, la tv satellitare di Al Gore offerta in Italia su piattaforma SKY. I manifesti ritraevano semplicemente una Bibbia trafitta da tre pallottole. La censura è stata immediata, mentre a Milano i manifesti sono stati affissi senza batter ciglio.

Eppure non era difficile capire il significato di quel manifesto. L’immagine pubblicizzava un’inchiesta dedicata ad un prete ucciso dalla camorra. Qualcuno inizia ad avere la censura troppo facile, e si fanno questi scivoloni. Chi vuole, può esprimere la solidarietà alla campagna di Current iscrivendosi a questo gruppo su Facebook.

Current Tv è una delle poche esperienze televisive italiane ad alto tasso di giornalismo d’inchiesta, un patrimonio da premiare e non da ostacolare frettolosamente.

Per fortuna c’è Sabrina Salerno (che canta i Cardigans)

Per chi sente il bisogno di disintossicarsi dall’effetto Povia ed ha bisogno di una buona dose di Froceria Danceteria, con la F e la D maiuscole, ecco una cura che non ha prezzo: la nostra imprescindibile SABRINA SALERNO è pronta a salvare il paese dalla crisi con un nuovo album di cover e vecchi successi remixati. 

Una donna in grado di trasformare la canzone più dandy degli anni ‘90 (erano i Cardigans, Erase & Rewind) in un riempipista da Mukkassassina, non è una donna, non è solo una minigonna, è di più, di più, di più. 

È Vladimir Luxuria.

Da Matrix a Skyline

Nello stesso identico giorno in cui un (a me) sconosciuto Big Jim della CNN si è ritrovato a presentare Matrix, Sky Tg24 ha presentato un nuovo programma di approfondimento serale, dalle 22.30 alle 24. Il format “Skyline” è stato ideato da Emilio Carelli. Conduzione mista di Maria Latella, Letizia Leviti e Andrea Bonini. Insomma, non esattamente dei conduttori inamovibili. 

Ditemi quello che volete, ma l’idea non me la tolgo… secondo me stanno tenendo caldo il posto per qualcuno.

Mi sembra tutto così poco spontaneo, forse troppo scontato per essere vero?